COME SOPRAVVIVERE AL BUFFET “FAI DA TE” (IN 50 MINUTI)

Il compleanno di tuo figlio si avvicina e tu stai pensando di fare tutto da sola? Bello, ma non bellissimo, perchè potrebbe anche rivelarsi un’impresa a lieto fine come una crociera sul Titanic. Tranquilla mamma, PARTY MAMMA è ti sta lanciando una scialuppa, afferrala!

Women and Girls In Science_0_0

PUNTO 1: ASPETTATIVE REALISTICHE

Se non siamo Antonine Cannavacciule, non improvvisiamoci! Evitiamo di sperimentare finger food da aperi-cene parigine, non abbiamo nè tempo, nè mezzi. (Inoltre ai nostri figli fregherebbe poco quanto niente di mangiare prugne ripiene di ostriche, o viceversa). Cose pratiche, semplici e universalmente gradite fanno la differenza.

PUNTO 2: I BAMBINI VOGLIONO LA PIZZA

Eh si, i bambini vogliono la pizza. Invece che perdere tempo ad arrovellarci le meningi a cercare qualcosa di alternativo, ORDINIAMOGLIELA!

PUNTO: PANINI BOTTONCINO, UN EVERGREEN.IMG_5701

Ordinare i panini “bottoncino” già farciti costa caro, mentre comprarli vuoti e poi farcirli è semplicissimo, oltre che molto economico! Consideriamo che 25 panini costano circa 5 euro e si farciscono con due pacchi di affettati (Min 0.99/3.50 euro/cad max). Apriamo prima tutti i panini, senza tagliarli completamente, devono restare semi-aperti, tipo ostrica e poi farciamo. Le farciture migliori sono pomodoro e mozzarella, maionese e salame, salsa boscaiola e prosciutto cotto, burro e mortadella.

PUNTO 4: TRAMEZZINI SI, MA PREPARIAMOLI LA SERA PRIMA

Salami_TramezziniC’è chi li ama e chi li odia, ma io sono sempre a favore dei tramezzini alle feste, specie se in formato mini. Preparali è facilissimo, basta farcire l’apposito pane, generalmente con maionese, sottilette e prosciutto. Se lo farete la sera prima e avvolgerete intorno ai tramezzini un canovaccio pulito ed umido prima di riporli in frigo, il giorno dopo saranno morbidi e squisiti! Per renderli mini sarà sufficiente tagliare a metà un tramezzino normale. E stop. Se poi siete fantasiose e avete voglia di sperimentare (ma non troppo, vedi PUNTO 1 !) potete farvi un giretto sul sito DONNA CLICK e leggere qui http://www.donnaclick.it/cucina/30237/10-ricette-facili-per-i-tramezzini-piu-gustosi/

PUNTO NUMERO 5: RUSTICI SI, MA SOLO SE COMPRATI!2cb6823c975ee09b0d93e071c71c86d5

I bambini non amano particolarmente i rustici, fatta eccezione per quelli con i wurstel oppure quelli a “pizzetta”. Se deciderete quindi di inserirli nel buffet, l’unico consiglio che vi do è  di comprarli già belli e pronti! Lo so, lo so, sono facili da fare, basta un pò di pasta sfoglia… No! Non basta. Dovreste accendere il forno, prepararli, cuocerli, controllare la cottura (quasi sempre infausta), insomma, uno sbattimento senza pari! Lo sforzo non vale il risparmio, credetemi! (E pensate invece che nel tempo guadagnato potrete farvi una doccia!)

PUNTO NUMERO 6: IL TOCCO DI CLASSE

caprese-scomposta (1).jpgAlle feste ormai ci sono tanti bambini quanti genitori, non è raro quindi desiderare di stupire gli ospiti con qualcosa di veramente irresistibile. Benissimo, si può fare! Tempo fa ho trovato questa ricetta di caprese scomposta in un libro di finger food e me ne sono innamorata! Io la preparo nei bicchierini usa e getta e ci infilo dentro una forchettina di plastica trasparente. Successo assicurato.

Vi occorreranno: pomodori, pesto senz’aglio, mozzarella e rucola (già lavata).

Per preparare questa caprese scomposta dovrete lavare i pomodori, tagliarli a dadini, condirli con sale e olio EVO e metterli da parte. Frullare la mozzarella con poco olio EVO. Formare gli strati come in foto: un cucchiaio di pomodori, uno di mozzarella e uno di pesto. Guarnire con la rucola e il gioco è fatto.

PUNTO NUMERO 7: UN PO’ DI DOLCEZZA

R3ZbiSDUna delle cose che i bambini gradiscono di più è la baguette farcita con Nutella. Super facile e super veloce, la adoro! Potete guarnirla spolverizzandole sopra dello zucchero a velo, oppure (se volete una ciccionata dop) scaldate poca nutella e versatela sopra la baguette a “zig zag”, ricoprite con mini marshmallows e zuccherini, una figata pazzesca! Se poi avete a disposizione una nonna, crostata o ciambellone sono sempre benvenuti (sempre a patto che ve li prepari qualcun altro!).

Prima di chiudere vi lascio due “dritte” sulle quantità, onde evitare di mangiare avanzi per una settimana.

  • PER 15/20 PERS: 30 panini bottoncino, 30 mini-tramezzini, una ciotola patatine, e una di pop corn, una baguette con nutella, 20 bicchierini di caprese scomposta, una teglia di pizza margherita, una teglia di pizza con patate, 30 rustici con wurstel, 30 pizzette rustiche.

Vi basterà moltiplicare le quantità per creare il vostro buffet. Coraggio mamme, ce la possiamo fare!

Annunci

Mamma li MINIONS!

“Minion” è stata la terza parola che la nana ha pronunciato dopo “mamma” e “pappa” (anche se all’Architetto piace pensare che in verità intendesse dire “papà”)… evidentemente l’appeal che questi itterici mostrini hanno sui nostri pargoli (o almeno sui miei) è davvero interessante! Ci sono due lati estremamente positivi in tutto ciò, secondo me: i Minions sono di gran lunga più divertenti delle solite dieci puntate consecutive di Peppa Pig ed hanno un design semplicissimo e riproducibile senza bisogno di essere dei fenomeni!

bpm

Ho ideato per voi queste scatoline porta-caramelle simili alle confezioni di latte, ma in miniatura, ideali anche per chi ha davvero poca, pochissima manualità con il fai-da-te. Tutto ciò che vi occorre è del cartoncino colorato giallo, nero e blu, forbici e colla (meglio se a caldo).

Tutorial minion favor

Il template potete stamparlo su carta comune e ritagliarlo, vi servirà come guida per riprodurre il disegno della scatolina sul cartoncino giallo. Per scaricarlo cliccate sul link qui sotto:

TEMPLATES PER TUTORIAL MINION

Io possiedo una fustellatrice ed ho preferito ritagliare i pezzi dell’occhio separatamente. Per semplificare un po’ il lavoro ho creato un file stampabile con gli occhi del minion già finiti, potete stamparlo su cartoncino rigido e ritagliarlo con delle comuni forbicine incurvate per manicure (“MANICURE”: quella cosa che vi facevate a giorni alterni prima di riprodurvi, ndr).  Un’alternativa sono gli occhi di plastica, quelli che hanno la pupilla sballonzolante, che si trovano ad esempio nei neglozi “Tiger” o in quelli per il fai-da-te.

OCCHIO MINION

c.JPG

Per un perfetto MINIONS PARTY suggerisco l’assoluta semplicità: tre colori sono? Tre colori usiamo! Via libera quindi al giallo, al nero e al bianco con palloncini, tovaglia e set tavola. Possiamo concederci al massimo una punta di blu, ma BATMINIONniente di più.

I Minions possono diventare qualsiasi cosa, quindi via libera alla fantasia! Ho visto minionizzare alberi di Natale, Hello Kitty, Spiderman, Batman, la nonna… insomma c’è davvero da sbizzarrirsi!

Il cake design giocherà una parte fondamentale nell’allestimento e realizzare una torta a forma di Minion è  alla portata di (quasi) tutti. Ancora più semplice sarà rivestire un cupcake o un biscotto.

Lo scorso natale ho realizzato un tutorial per il famoso sito Cake Design Italia (www.cakedesignitalia.it), che consisteva nella trasformazione di un mini-panettone in minion natalizio. Fondamentalmente i passaggi sono gli stessi per realizzare una torta (vi basta evitare la barba e sostituire il rosso con il blu. Vi posto il video qui sotto e vi aspetto per il prossimo party!                                                                                  V.

E Auri ne fa UNO!!

1.jpg

E’ già passato un anno, trecentosessantacinque giorni da quel parto così desiderato, la mia rivincita verso un cesareo sofferto e (forse) evitabile. Intanto lei cresce, strilla, ride,  cammina presuntuosa verso la sua indipendenza che adesso tanto vorrei, consapevole però del fatto che quando arriverà, rimpiangerò questi momenti, così faticosi quanto belli. Essere madre è l’esperienza più incredibile del mondo (cinque anni fa mi sarei presa a schiaffi per una frase del genere, come si cambia…), sono consapevole del privilegio di avere due figli splendidi e festeggiare i loro compleanni è per me un momento davvero magico!

cake.JPG

Come potete immaginare, non mi sono certo risparmiata per realizzare ad Aurora una festa di tutto rispetto, in barba alla tonsillite virale che ci ha colpite ma non affondate, per fortuna! Il tema che ho scelto è stato l’adorabile BABY MINNIE, che a lei piace moltissimo.

Ho realizzato tutto io: decorazioni con palloncini, addobbi, grafica coordinata, torta, dolci e (con l’aiuto di suocera e zia) un menù strepitoso. Indovinate un po’? Una FATICA IMMANE!! Mi sono stramaledetta fino a cinque minuti prima che arrivassero gli ospiti, ma alla fine, la festa è stata un successone! Vi lascio con qualche scatto e, se vi state chiedendo “con cosa avrà fatto le orecchie dei pops”… Si! Ho usato proprio le Smarties!

 

Cheesecake di Halloween

Last but not least, eccovi un dessert perfetto per concludere in dolcezza la serata di Halloween: la mia cheesecake ai cachi mascherata da ragnatela! Nonostante abbia l’aspetto di un complicato prodotto di pasticceria, questa torta si prepara in una manciata di minuti e non necessita alcuna cottura.

Buon Halloween e buon divertimento!

IMG_5699 (2)a

Occorrente: 2 CACHI MATURI, 250ml PANNA già zuccherata (io vegetale), 250gr PHILADELPHIA, 2 fogli GELATINA, LATTE qb, 100gr ZUCCHERO, 80gr BURRO FUSO, 200gr BISCOTTI SECCHI AL CIOCCOLATO (Io Pan di Stelle), 60gr CIOCCOLATO FONDENTE.

Procedimento: preparare la base passando i biscotti nel mixer. Unire il burro fuso e schiacciare bene il tutto contro al fondo della teglia. Mettere in freezer.

In una terrina fredda di frigo, montare la panna. Frullare la polpa dei cachi.

Mettere in ammollo la gelatina in acqua fredda. Strizzarla e scioglierla in un pentolino con poco latte.

Preparare la crema sbattendo con le fruste il formaggio e lo zucchero. Unire i cachi e la gelatina. In ultimo la panna montata, amalgamando con delicatezza per non smontarla.

untitledRicoprire la base della torta con la crema al formaggio e livellare bene la superficie con un coltello o una spatola. Mettere in freezer.

Estrarre la torta dal congelatore e sformarla sul piatto scelto.

Per decorare, far fondere la cioccolata a bagnomaria e metterla in una sac à poche. Fare un foro piccolissimo e creare la ragnatela.

Guarda come ti riciclo la bomboniera!

BOMBONIERA ROSA 1Eccomi qua, con un secondo post dedicato agli eventi in famiglia. Questa volta si tratta del Battesimo della nana, ovvero mia figlia Aurora, ma non la festa ufficiale con tutti i parenti, bensì (per la serie #machimelofafare) una seconda festa per i nostri amici. Desideravo regalare una bomboniera a ciascuno di loro, ma non mi andava di metterli a disagio dato che non li avevo avvisati del Battesimo. Ho deciso quindi di giocare d’anticipo e riciclare un pensierino apprezzato ma che non si sarebbe rivelato troppo impegnativo.

Un mese prima dell’evento ho iniziato a raccogliere i vasetti vuoti di omogeneizzato che mi sono serviti da contenitore. E’ stato sufficiente aggiungere un po’ di stoffa, del nastro di juta e qualche confetto per ottenere questi vasetti davvero carini.

IMG_4547 (2)

Se i vasetti vi piacciono e volete farne di simili ecco di cosa avrete bisogno:

Tutorial
Vasetto, filo di juta, tessuto in cotone, confetti, forbici zigzagate. Mettere i confetti nel vasetto pulito, posizionare i pezzetto di stoffa (precedentemente ritagliato) e chiuderlo con il filo di juta.